Monsignor Michele Seccia ha scelto l’opera dell’artista salentina collocata nella Chiesa di Sant’Antonio a Carmiano per impreziosire la seconda lettera